+39 327 6352386 info@laruedigital.it
Seleziona una pagina

L’equilibrio tra elementi di una pagina web è fondamentale per stabilire un dialogo con l’utente: una disposizione caotica rende negativa la sua user experience e può pregiudicare le finalità comunicative del sito.

La simmetria del layout facilita l’interazione. Il design delle pagine, attualmente, tende al minimalismo (“Less Is More”): si semplifica l’interfaccia grafica per mantenere l’attenzione dell’utente focalizzata su contenuti produttivi e di interesse.

Il design è un mix equilibrato di produttività ed efficacia, non solo di bellezza e avanguardia.

Nella fase di organizzazione e impaginazione dei contenuti occorre stabilire una gerarchia di stimoli visivi: il layout finale, infatti, è molto di più di una sommatoria di elementi ed occorre far attenzione non solo agli elementi che compongono un oggetto ma anche alla percezione che si ha di ciascun oggetto.

Equilibrio e simmetria: dalla realtà alla progettazione grafica

Il concetto di equilibrio è indissolubilmente legato a quello di armonia (aequilībrium = unione di aequus, uguale +  lībra, peso): nella realtà accade in ogni momento. Oggetti perfettamente in equilibrio cui basta, però, una piccola sollecitazione che tutto si sbilancia rompendo un ordine che vigeva sino ad un attimo prima.

Nella progettazione grafica ogni elemento ha un proprio spazio, definito sulla base dell’importanza che gli viene attribuita da chi osserva. A questo si aggiunge una direzione visiva, un movimento che definisce la sua capacità di spostamento, come se si trovasse in condizioni reali e soggetto a forze che agiscono su di esso. Il bilanciamento del layout si può ottenere con soluzioni simmetriche o asimmetriche.

Equilibrio simmetrico

La distribuzione uniforme degli elementi grafici produce un equilibrio simmetrico che si traduce in layout dall’impatto gradevole che non appesantisce la vista. Il rispetto della simmetria si ottiene posizionando gli elementi grafici in modo equidistante rispetto ad un’asse centrale (equilibrio orizzontale) o disponendoli su un ipotetico asse verticale centrale (equilibrio verticale). La disposizione può anche avvenire attorno ad un punto centrale (equilibrio radiale).
La simmetria sviluppata orizzontalmente costituisce la soluzione più familiare (basti pensare ad un’immagine speculare). Uno sviluppo radiale torna, invece, utile per donare movimento alla composizione indirizzando l’attenzione dell’utente dal centro verso l’esterno e viceversa.

Equilibrio asimmetrico

Una progettazione asimmetrica dona al layout un carattere più deciso e dinamico suscitando maggior curiosità rispetto a quello simmetrico. Il bilanciamento avviene mettendo in relazione elementi grafici diversi tra loro che, con il giusto mix, possono apparire ugualmente armoniosi. [Ad esempio: due sezioni opposte, una costituita da un blocco di grandi dimensioni e l’altra da tanti piccoli blocchi utili a bilanciarne il peso; oppure la contrapposizione di un’immagine con un blocco di testo, semplice escamotage per catturare l’attenzione e veicolare un’informazione].

Il tema dell’equilibrio ha origini antiche: l’occhio è attratto dalle simmetrie della natura e l’uomo le ricerca costantemente.

 

CONTATTACI